Modulo in caricamento, attendere...

Modulo: pages, Dimensione: 14,12 Kb

           Codice dell'Etica Lionistica

  • Mostrare la convinzione nel valore della mia vocazione applicandomi diligentemente per meritare la stima per la qualità del servizio.
  • Cercare il successo e richiedere remunerazioni o profitti equi come giusta ricompensa, ma non accettare profitti o successo al prezzo della perdita di autostima a causa di vantaggi ottenuti ingiustamente o a causa di atti discutibili da parte mia.
  • Ricordare che per costruire la mia attività non è necessario distruggere l'attività di altre persone; essere leale con i miei clienti e onesto con me stesso.
  • Ogni qual volta nasce il dubbio sul diritto o sull'etica della mia posizione o azione verso gli altri, risolvere il dubbio a mio sfavore.
  • Considerare l'amicizia un fine, non un mezzo. Considerare che la vera amicizia non esiste in virtù del servizio reso da una persona a un'altra ma che, al contrario, essa richiede di accettare tale servizio con lo spirito con cui è stato offerto.
  • Sempre ricordare i miei obblighi di cittadino nei confronti della nazione e della comunità e dare loro la fedeltà incondizionata della mia parola, dei miei atti e delle mie azioni. Donare il mio tempo, il mio lavoro e le mie sostanze.
  • Assistere gli altri offrendo la mia comprensione a chi è in pena, il mio aiuto ai deboli e i miei beni ai bisognosi.
  • Essere attento alle critiche e prodigo negli elogi; costruire e non distruggere.

 

            Codice dell'Etica Lionistica

  • Dimostrare con l’eccellenza delle opere e la solerzia del lavoro, la serietà della vocazione al servizio.
  • Perseguire il successo, domandare le giuste retribuzioni e conseguire i giusti profitti senza pregiudicare la dignità e l’onore con atti sleali ed azioni meno che corrette.
  • Ricordare che nello svolgere la propria attività non si deve danneggiare quella degli altri: essere leali con tutti, sinceri con se stessi.
  • Ogni dubbio circa il diritto o pretesa nei confronti di altri deve essere affrontato e risolto anche contro il proprio interesse.
  • Considerare l’amicizia come fine e non come mezzo, nella convinzione che la vera amicizia non esiste per i vantaggi che può offrire, ma per accettare nei benefici lo spirito che li anima.
  • Avere sempre presenti i doveri di cittadino verso la Patria, lo Stato, la comunità nella quale ciascuno vive; prestare loro con lealtà sentimenti, opere, lavoro, tempo e denaro.
  • Essere solidali con il prossimo mediante l’aiuto ai deboli, i soccorsi ai bisognosi, la simpatia ai sofferenti.
  • Essere cauto nella critica, generoso nella lode, sempre mirando a costruire e non a distruggere.
 

Utenti registrati: 3
Registrati oggi: 0
Utenti online: 0
Visitatori online: 45
Ultimo iscritto: admin

Lingua identificata:
IT
Cambia lingua


Nessun link presente!

Realizzato con base Openasp 2.0 - GPL License - homepage
CSS valido!